domenica, 26 Settembre 2021
HomeIn EvidenzaCheck up "innovativo" per il cavalcavia di Gonars

Check up “innovativo” per il cavalcavia di Gonars

Il ponte di Gonars sottoposto a controlliIl cavalcavia della strada statale 252 a Gonars – che sovrappassa l’autostrada A23 – diventa oggetto di sperimentazione. Da alcuni giorni i tecnici di Autovie Venete sono all’opera per verificare il “comportamento” del manufatto al passaggio dei mezzi pesanti e in particolare dei trasporti di tipo eccezionale. L’ “ascolto” della struttura viene effettuato dall’unità di manutenzione opere della Concessionaria autostradale – in collaborazione con l’unità di RINA dedicata al monitoraggio strutturale – attraverso alcune tecniche di analisi sofisticate e all’avanguardia. Un sistema complesso di accelerometri (sensori), cavi e software permettono di trasferire ai computer i dati di rilevamento sulle vibrazioni della struttura e sulla sua deformazione. In sostanza consentono di capire se il cavalcavia è sano e se, eventualmente, c’è un danno.

Il test sul ponte Tagliamento

Un test similare era già stato eseguito per alcune settimane sul nuovo viadotto sul Tagliamento inaugurato a dicembre 2019. La differenza è che questa prova verrà effettuata nell’arco di un intero anno e questo permetterà di conoscere ogni singolo comportamento del manufatto. Si tratta anche di un test per l’intero sistema di analisi che potrebbe essere replicato su altri manufatti della rete di Autovie. Complessivamente sono 359 le “opere maggiori” – ovvero cavalcavia, sovrappassi, ponti e viadotti e sottovie – in gestione alla Società autostradale. Quasi la metà di queste, 161, ha subito o subirà un rifacimento, in quanto inserite nei lavori per la terza corsia. Tutti i manufatti vengono sottoposti a controlli periodici, i cui esiti sono poi trasmessi al Ministero dei Trasporti. Così succede anche per il cavalcavia della strada statale 252 che è ora oggetto di questa particolare sperimentazione per l’elevato passaggio dei mezzi pesanti e per l’anzianità d’esercizio in quanto risalente agli anni 60, all’epoca della costruzione dell’autostrada Trieste – Udine.  

 

Lascia una replica

Inserisci il tuo commento!
Per piacere insierisci qui il tuo nome

Gli articoli più recenti: