lunedì, 30 Novembre 2020
Home In Evidenza La figura cardine dei cantieri

La figura cardine dei cantieri

Non è solo il responsabile della corretta esecuzione del contratto d’appalto, ma è anche colui che può apportare migliorie e aggiustamenti al progetto. Da un lato assiste e sorveglia, dall’altro lato coordina, dall’altro ancora ci “mette del suo” – competenza e bagaglio tecnico – per rendere l’opera più funzionale. Questo è il direttore dei lavori, figura cardine di un cantiere. Corrado Accardo “dirige”, per conto di Autovie Venete, le maestranze del primo sub lotto del quarto lotto (Nodo di Palmanova – Gonars) della terza corsia della A4: un’opera complessa perché qui si intrecciano le sei direttrici del traffico del Nord Est Europa, da e verso Austria, Slovenia e Nord Italia. Ed è lui a svelarci i segreti di questa professione iniziata – per quanto lo riguarda – a 32 anni quando fu nominato direttore dei lavori della bretella del “Brancolo” che dall’aeroporto di Ronchi porta alla strada provinciale per Grado.

“Il direttore dei lavori – spiega Accardo – deve, prima di tutto, supervisionare gli accordi presi tra la stazione appaltante e l’azienda appaltatrice. Il patto viene sancito nel contratto d’appalto che si suddivide in due parti: la parte amministrativa che regola le modalità di pagamento, i tempi di esecuzione dell’opera, la durata dei lavori, la gestione dei subappalti e delle penali; e la parte tecnica (ovvero il progetto vero e proprio) dove vengono specificate nel dettaglio tutte le singole lavorazioni con i relativi materiali da utilizzare”.

Ma il suo compito non finisce qua. Quando il contratto è affidato con la formula dell’appalto integrato – è il caso in cui l’appaltatore viene chiamato a predisporre anche il progetto esecutivo sulla base di quello definitivo predisposto dall’ente aggiudicatore (Autovie) – il direttore dei lavori, nel suo ruolo di coordinatore dello sviluppo del progetto esecutivo, ha la facoltà d’intervenire per perfezionare l’opera rendendola più funzionale alle esigenze del futuro gestore, nel caso specifico Autovie Venete. “E’ qui che il nostro contributo, in qualità di operatori autostradali consapevoli delle problematiche gestionali presenti e future dell’opera, può diventare fondamentale – afferma Accardo -. Abbiamo la possibilità di ottimizzare l’opera alle puntuali esigenze del Committente come fosse un vestito cucito su misura. Diversamente un tecnico esterno, seppur di ottima ed esperienza, non potrebbe fare altrettanto perché privo di quel bagaglio gestionale maturato quotidianamente sulla nostra rete. E’ ciò che è accaduto con il primo sub lotto del quarto lotto della terza corsia – “abbiamo migliorato gli aspetti della cantierizzazione, nello specifico quelli legati agli accessi alle aree di servizio e al Nodo di Palmanova”, spiega Accardo – e ancora prima con il cantiere del casello di Meolo “in cui – chiarisce il direttore dei lavori – abbiamo reso compatibile l’impiantistica, con quella normalmente impiegata sulla rete della Concessionaria ottimizzato la pensilina e il tunnel della stazione, in funzione delle future manutenzioni, e infine introdotto migliorie per gli asfalti ricorrendo alla lunga esperienza maturata negli anni di gestione dell’autostrada”. In questo difficile compito di rendere l’opera quanto più funzionale possibile, il direttore dei lavori non è mai solo, ma si avvale di un proprio staff e dell’apporto dell’impresa appaltatrice, oltrechè di un ente certificatore che verifica la correttezza formale degli elaborati del progetto. “Una sinergia importante, utile per arrivare alla redazione del progetto esecutivo e alla realizzazione dell’opera nel rispetto dei tempi e della miglior tecnologia possibile. Basti pensare che per avviare il cantiere del primo sub lotto del quarto lotto ci sono volute quattro revisioni al progetto”, precisa Accardo. “Essere direttore dei lavori – conclude Accardo – non è semplice perché bisogna avere mille occhi, ma allo stesso tempo è esaltante perché ti rendi conto che una modifica al progetto può comportare benefici alla gestione del traffico anche a lungo termine”.

 

 

Lascia una replica

Inserisci il tuo commento!
Per piacere insierisci qui il tuo nome

Gli articoli più recenti:

Il piano invernale di Autovie

Autovie Venete aumenta la flotta di spargisale e lame spazzaneve per incrementare i passaggi dei mezzi...

Cinture di sicurezza. Gli italiani le indossano?

Che cosa succede se non si allacciano le cinture di sicurezza? https://www.youtube.com/watch?v=PK1wzwKaGPk&t=18s   Gli italiani sono allergici alle cinture...

Pranzi e snack in sicurezza

Le sedici aree di servizio lungo la rete di Autovie Venete restano aperte come stabilito dall’ultimo...

Primo lotto. I risultati del monitoraggio ambientale

Riduzione dell’anidride carbonica (CO2) grazie all’assorbimento delle piante e tutela della fauna. Due obiettivi che Autovie...