lunedì, 30 Novembre 2020
Home In Evidenza Assistenza h24 per avaria e incidenti

Assistenza h24 per avaria e incidenti

Autofficina Dino
Autofficina Dino

Disponibili 365 giorni all’anno, 24 ore su 24, pronte a scattare all’occorrenza “già con le attrezzature a bordo”. E’ la passione che guida – si può proprio dirlo – chi lavora per le officine che si occupano dei soccorsi meccanici. I titolari e il loro team non conoscono soste, consapevoli che l’imprevisto è dietro l’angolo. Flessibili e dinamici: questa è la loro caratteristica. Quando in autostrada c’è un incidente o un guasto meccanico che rischia di congestionare il traffico, queste imprese specializzate in 30 minuti, al massimo, devono garantire la presenza sul posto. Il tempo è tutto, infatti, in autostrada e ogni minuto perso può risultare un problema. Parliamo di migliaia di interventi all’anno nella rete autostradale di Autovie Venete: 1.504 solo nel periodo estivo, nei mesi di luglio e agosto. Novanta di questi sono stati effettuati per incidenti, addirittura 1.414 per guasti meccanici.

Le autofficine

Dino Plef dell’Autofficina Dino di Bagnaria Arsa è un veterano del mestiere. Da 30 anni fa assistenza in autostrada. E i raffronti non mancano. “Rispetto al passato si verificano meno incidenti e più guasti meccanici”, esclama Plef indicando un’auto appena recuperata in A4 e portata in officina per la rottura del motore. “Purtroppo – allarga le braccia – la manutenzione viene sottovalutata così come i controlli prima di partire per un viaggio”. Plef elogia il ruolo della polizia stradale e degli ausiliari della viabilità di Autovie Venete che “sono un supporto fondamentale durante le operazioni di sgombero dei mezzi dall’autostrada. Gestiscono il traffico permettendoci di soccorrere in totale sicurezza. E poi – aggiunge – ora c’è anche la terza corsia da Gonars al nuovo ponte sul fiume Tagliamento ed è più semplice arrivare velocemente sul luogo dell’incidente”. Plef effettua circa 300 interventi all’anno. “A causa del Covid e della diminuzione del traffico – spiega – quest’estate abbiamo avuto un calo del 20%. Ho ancora impressa l’immagine dell’autostrada libera il giorno di Pasqua. Dovevamo arrivare a Latisana per rimuovere un mezzo e da Palmanova non abbiamo trovato un’auto in nessuna delle due le direzioni”. Ci sono diversi modi per richiedere l’aiuto dei soccorsi meccanici. Il conducente può utilizzare la colonnina Sos (ce n’è una ogni due chilometri in autostrada), o chiedere l’assistenza al personale di Autovie Venete o della pattuglia della polizia stradale che presidiano l’autostrada in quel momento, o chiamare la propria assicurazione che inoltra poi la richiesta a una delle tre organizzazioni autorizzate dalla Concessionaria: Aci Global, Ima Servizi, e Vai Europassistance. Queste si avvalgono su diverse tratte di officine autorizzate, come l’autofficina Dino e Rado soccorso stradale di Portogruaro.

Rado soccorso stradale
Rado soccorso stradale

Quest’ultima azienda opera in tratti autostradali critici (Portogruaro – San Giorgio e Latisana – Portogruaro) interessati in parte (da Alvisopoli a Portogruaro) dai lavori per la terza corsia. “Siamo attrezzati anche per interventi su mezzi pesanti”, afferma il titolare Rado Zoccolan. “Anche cambiare una gomma scoppiata è un problema da Portogruaro ad Alvisopoli – spiega – perchè non ci sono piazzole di sosta né le corsie di emergenza. Ma non si può fare altrimenti se i lavori devono essere conclusi prima possibile. Fortunatamente la polizia e gli ausiliari ci fanno da “copertura”. Rado vanta una trentina di mezzi a disposizione e due sedi (l’altra è a Cessalto) “e per questo – precisa Zoccolan – riusciamo a intervenire in soli 15 minuti”. Soprattutto quando c’è un incidente nel tratto a due corsie la velocità di intervento è fondamentale. “Il vero problema – commenta Zoccolan – è la distrazione al volante. Gli incidenti più grossi si verificano quando si verificano gli stop and go a causa dei rallentamenti. C’è chi non si accorge dei pannelli a messaggio variabile, “preferisce” guardare il cellulare o il tablet e così finisce per tamponare il mezzo che lo precede”. In estate – quando i transiti aumentano – oltre al normale soccorso stradale, Autovie organizza anche dei presidi aggiuntivi dislocando i carroattrezzi di volta in volta in punti strategici dell’autostrada in modo da ridurre i tempi di intervento.

Autofficina Vaccaro
Autofficina Vaccaro

L’Autofficina Vaccaro, alla sua prima esperienza, rimarca il ruolo del Centro Radio Informativo “una guida importante per noi – afferma Filippo Vaccaro – perché ci dice in tempo reale dove si trova il veicolo danneggiato, quali sono le condizioni e anche come agire e posizionarsi rispetto al traffico”. Anche Filippo Vaccaro tira le orecchie ai conducenti “il 99,9% degli interventi effettuati è a causa della scarsa manutenzione dei mezzi: gomme scoppiate o auto che rimangono anche senza benzina”. E alle volte a queste autofficine spetta anche il compito di “gestire” le famiglie soccorse. “Ebbene sì – conclude Vaccaro – quando abbiamo a che fare con famiglie in vacanza, che sono rimaste “a piedi”, siamo noi che organizziamo per loro l’alloggio in qualche hotel o prenotiamo il taxi per portarle fino all’hotel, ma lo facciamo volentieri”.       

 

Lascia una replica

Inserisci il tuo commento!
Per piacere insierisci qui il tuo nome

Gli articoli più recenti:

Il piano invernale di Autovie

Autovie Venete aumenta la flotta di spargisale e lame spazzaneve per incrementare i passaggi dei mezzi...

Cinture di sicurezza. Gli italiani le indossano?

Che cosa succede se non si allacciano le cinture di sicurezza? https://www.youtube.com/watch?v=PK1wzwKaGPk&t=18s   Gli italiani sono allergici alle cinture...

Pranzi e snack in sicurezza

Le sedici aree di servizio lungo la rete di Autovie Venete restano aperte come stabilito dall’ultimo...

Primo lotto. I risultati del monitoraggio ambientale

Riduzione dell’anidride carbonica (CO2) grazie all’assorbimento delle piante e tutela della fauna. Due obiettivi che Autovie...