lunedì, 21 Settembre 2020
Home In Evidenza Sui cani lasciati in auto. Cosa fare se…

Sui cani lasciati in auto. Cosa fare se…

Lasciare i cani in auto per molto tempo, mentre noi sbrighiamo le nostre commissioni è una pessima abitudine sempre, ma d’estate diventa un vero e proprio rischio.

Se ci capita di scorgere un cane o un altro animale chiuso nella vettura lasciata sotto al sole cocente siamo obbligati a intervenire? La risposta è sì e non solo per dovere morale, ma perché esiste l’obbligo di soccorrere gli animali. Lasciare un cane in automobile per troppo tempo, mettendo a rischio la sua incolumità significa infrangere la legge. L’articolo 727 del Codice Penale stabilisce infatti che “chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”. Cane in auto estate È opportuno precisare che non basta lasciare leggermente aperto il finestrino per consentire un ricambio d’aria all’interno dell’abitacolo perché l’interno dell’auto può raggiungere rapidamente temperature molto elevate che mettono in grave pericolo il nostro amico a quattro zampe. Dunque, dopo aver valutato la situazione ed essersi accertati che il proprietario non sia nelle immediate vicinanze per avvertirlo del pericolo, bisogna avvisare i Carabinieri (112) oppure la Polizia locale. Gesti avventati e come “rompere il finestrino” sono caldamente sconsigliati. Nell’attesa si può cercare di creare ombra alla vettura, gettandovi sopra se possibile acqua o posando fogli di giornale sul parabrezza. Nel caso in cui sia necessario intervenire di persona per riportare in modo graduale la temperatura del cane a livelli normali se è alle prese con un colpo di calore è opportuno bagnargli schiena e lati del corpo con dei panni pregni di acqua fresca. È sconsigliato invece utilizzare il ghiaccio o acqua eccessivamente fredda poiché si corre il rischio di creare uno choc cardiocircolatorio.

 

Lascia una replica

Inserisci il tuo commento!
Per piacere insierisci qui il tuo nome

Gli articoli più recenti:

L’assessore Pizzimenti visita il terzo lotto della terza corsia

L’assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti Graziano Pizzimenti ha effettuato questa mattina un sopralluogo al...

L’autotrasportatore “speciale”

Sangue freddo, attenzione e grande capacità organizzativa: sono i caratteri distintivi degli autisti che guidano i...

Terza corsia. Come tutelare la fauna

Monitorare la fauna richiede molta flessibilità: è la natura infatti a dettare tempi e regole e...

La gestione ambientale della terza corsia

Può un naturalista avere a che fare con l’autostrada? La risposta è: certamente sì! Perché flora...