lunedì, 21 Settembre 2020
Home Attualità Sicurezza Cantieri sicuri: dimezzati gli infortuni

Cantieri sicuri: dimezzati gli infortuni

Maggiore sicurezza nei cantieri aperti per la realizzazione della terza corsia lungo l’autostrada A4 Venezia – Trieste. Nel terzo lotto (Alvisopoli – Gonars) gli infortuni si sono infatti più che dimezzati. Il confronto fra i primi sei mesi del 2018 e lo stesso periodo del 2019 parla chiaro: da 11 gli incidenti sono passati a 4. Dati ancora più confortanti per il cantiere del secondo lotto (Portogruaro – Alvisopoli) – aperto ad agosto 2018 – dove gli infortuni, in 14 mesi di lavoro, sono pari a zero. Un risultato ottenuto grazie al forte impegno nel campo della formazione. Formazione che avviene direttamente sul campo e che è messa in atto dal Cse (coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione) di Autovie Venete braccio operativo del Commissario per l’Emergenza in A4.  Coinvolti sia i direttori operativi che i lavoratori stessi per renderli consapevoli di quanto la sicurezza sul lavoro sia fondamentale. Lo staff del Cse controlla ogni giorno oltre 400 maestranze e quasi 4 mila fra macchine operatrici e attrezzature utilizzate in cantiere. Per incrementare la sicurezza in cantiere, agli “strumenti” già previsti dalla legge – verbali di sopralluogo e di coordinamento e relative sanzioni alle ditte esecutrici in caso di inadempienze – è stato affiancato il “Registro delle inadempienze” ovvero un documento che contiene tutte le irregolarità riscontrate in un cantiere, i rischi ad esso correlati e le soluzioni che le aziende sono tenute ad osservare. Nel registro vengono inoltre appuntate le cause degli infortuni e le azioni da intraprendere per prevenire il ripetersi di questi eventi.

Lascia una replica

Inserisci il tuo commento!
Per piacere insierisci qui il tuo nome

Gli articoli più recenti:

L’assessore Pizzimenti visita il terzo lotto della terza corsia

L’assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti Graziano Pizzimenti ha effettuato questa mattina un sopralluogo al...

L’autotrasportatore “speciale”

Sangue freddo, attenzione e grande capacità organizzativa: sono i caratteri distintivi degli autisti che guidano i...

Terza corsia. Come tutelare la fauna

Monitorare la fauna richiede molta flessibilità: è la natura infatti a dettare tempi e regole e...

La gestione ambientale della terza corsia

Può un naturalista avere a che fare con l’autostrada? La risposta è: certamente sì! Perché flora...