mercoledì, 21 Ottobre 2020
Home Attualità Sicurezza Un laboratorio mobile per le prove su strada

Un laboratorio mobile per le prove su strada

La sua “missione” è quella di effettuare prove specialistiche ad alto rendimento e per svolgere questo compito è dotato di raggi laser, potenti computer e telecamere. Apparentemente è un furgone come tanti ma in realtà il laboratorio mobile di Autovie Venete al suo interno si presenta proprio come una stanza di un centro di ricerca, in grado di svolgere numerose funzioni, fra cui i rilievi sulla regolarità superficiale delle pavimentazioni autostradali, il rilievo in alto rendimento della capacità rifrangente della segnaletica orizzontale, l’acquisizione delle misure precise degli ingombri presenti in una sezione autostradale. In pratica, utilizzando un laserscanner (una sorta di cannoncino montato nella parte posteriore del tettuccio) si può misurare la distanza da un punto preciso delle barriere autostradali o l’altezza di un manufatto, come ad esempio un ponte, senza utilizzare le cordelle metriche. Misurazioni, queste ultime, che si effettuano con il mezzo fermo, mentre le altre si possono eseguire con il furgone in movimento, eliminando così qualsiasi tipo di intralcio al traffico. All’interno del veicolo, per gli operatori, ci sono 4 posti a sedere, una consolle che gestisce un sistema di telecamere anteriori e posteriori per le riprese dei tratti autostradali sui quali vengono effettuate le prove, e da una serie di postazioni di computer con funzioni specifiche: c’è quello che misura la retroriflettenza, situato davanti al sedile del passeggero; il pc che elabora i segnali elettronici che arrivano dal laserscanner, e infine il computer che “gestisce” le telecamere, il laser e l'”Iri” (acronimo di International Roughness Index) , ovvero il programma per il rilievo della regolarità superficiale, una delle principali verifiche richieste. Un paio di volte all’anno, infatti, questo indice viene rilevato sull’intera rete di Autovie Venete. Gli elementi raccolti sono ad alto rendimento: lo strumento diagnostico immagazzina dati ogni 2,5 centimetri di autostrada! Le prove vengono effettuate per controllare le condizioni delle strutture e delle pavimentazioni, nonché la qualità tratti autostradali nuovi, verificando che siano stati realizzati secondo le specifiche previste del progetto. Un controllo, quest’ultimo, che – per quanto riguarda il tratto Alvisopoli-Gonars della A4, dove è in corso di realizzazione la terza corsia, è uno dei più importanti per il collaudo dell’opera.

 

Lascia una replica

Inserisci il tuo commento!
Per piacere insierisci qui il tuo nome

Gli articoli più recenti:

Sulla rete di Autovie, due importanti ritrovamenti archeologici

Due importanti ritrovamenti archeologici durante i lavori sulla rete autostradale di Autovie Venete. Sulla A34, Villesse-Gorizia...

Assistenza h24 per avaria e incidenti

Disponibili 365 giorni all’anno, 24 ore su 24, pronte a scattare all’occorrenza “già con le attrezzature...

Tra ufficio e cantiere. Vita da ispettrici

Espressione concentrata, occhi puntati su una pila di verbali da redigere e schede da compilare in...

Formazione made in Autovie per i futuri ausiliari della viabilità

Quando entrano in servizio nuovi ausiliari della viabilità, il percorso di formazione viene organizzato internamente per...