giovedì, 25 Febbraio 2021
Home Attualità Sicurezza Chi guida non fuma

Chi guida non fuma

Fumare fa male alla salute. Fumare in auto mette in pericolo la sicurezza. Tempi duri per chi non riesce a fare a meno della sigaretta, un’abitudine – anzi meglio sarebbe dire un vizio –  ancora molto diffuso in tutto il mondo. Soggetta a limitazioni e divieti che variano a seconda dei Paesi, questa abitudine è considerata un vero e proprio “attentato alla salute”. L’ultimo provvedimento, per quanto riguarda i divieti, arriva dalla Gran Bretagna e prevede il divieto di fumare in auto in presenza di un minore di 18 anni. Si tratta, naturalmente, di una legge (entrerà in vigore dal 1 ottobre) che punta a proteggere i bambini e i ragazzi dai pericoli del fumo passivo. In molti altri Paesi, questo tipo di divieto esiste già, ma con caratteristiche diverse: a Cipro vale se il minore trasportato ha un’età inferiore ai 16 anni, negli Emirati Arabi e in Francia quando ha meno di 12 anni. E in Italia? Nel Belpaese un disegno di legge, su questo argomento. È stato presentato in questa legislatura e prevede una modifica al Codice della Strada. Pur mettendo in rilievo le ricadute negative del fumo per le persone trasportate, soprattutto se minori, punta maggiormente sulla sicurezza, mettendo in rilievo come “accendere una sigaretta mentre si è alla guida di un’automobile provoca una diminuzione del livello di attenzione, con conseguente aumento delle probabilità di provocare un incidente”. Come se non bastasse, a una abitudine negativa se ne associa un’altra: “per consuetudine quasi automatica, il conducente getta fuori dal finestrino il mozzicone acceso, con conseguenze imprevedibili per l’ambiente esterno”. Necessario, quindi, per i firmatari del disegno di legge, modificare le regole, introducendo nel nuovo codice della strada una norma che sancisca il divieto di fumare durante la guida di autoveicoli stabilendo anche le relative sanzioni per chi non rispetta la regola.

Lascia una replica

Inserisci il tuo commento!
Per piacere insierisci qui il tuo nome

Gli articoli più recenti: